Quale il 2014 degli Elevatori e delle Piattaforme Aeree?

Il mondo degli Elevatori e delle Piattaforme Aeree è in ripresa.

Astento e a fatica si intravedono i primi segnali di rilancio dopo la crisi dell’edilizia che di riflesso ha coinvolto il comparto. Se il mondo dell’edilizia nel 2013 ha perso circa 40 mila posti di lavoro, nel 2014 si prospetta una lenta ripresa anche supportata dai segni positivi dell’economia mondiale.

quale-il-2014-degli-elevatori-e-delle-piattaforme-aeree

In effetti, le prospettive evidenziano dati in cresicita in merito ai consumi privati nonché l’edilizia e il settore immobiliare. Pertanto il mondo delle costruzioni potrebbe essere il volano di ripersa anche per il mondo degli Elevatori e delle Piattaforme Aeree. Un primo strumento messo in campo dalla politica è il Bonus Mobili e Ristrutturazioni che ha raccolto un discreto interesse e che vedrà coinvolte le aziende del settore con interventi co-finanziati nel 2014.

In tal senso il decreto permetterà al mondo dell’edilizia, degli Elevatori e delle Piattaforme Aeree di poter ottenere incentivi e una smossa in termini di attività. Pertanto se il 2013 ha cancellato dievrse migliaia di posti di lavoro il 2014 dovrebbe offire un ripresa non rapida favorita anche da un incremento dei bandi di gara simili al Bonus Mobili e Ristrutturazioni. La fase recessiva appena terminata dovrebbe lasciare spazio ad un incremento degli interventi trasformando il 2014 in un anno di transizione.

Infatti, dopo un 6 anni di crisi, il mercato dell’edilizia in generale e degli Elevatori e delle Piattaforme Aeree in particolare evidenzia quali trend di crescita l’approdo alle smart cities, il potenziamento di tutti gli strumenti e metodi di gestione dei progetti di costruzione finalizzati ad una massima efficienza di tempi e costi in tutta la fase dei lavori, dalla progettazione alla consegna, alla manutenzione. Ciò consentirebbe di realizzare grandi economie e riduzioni di sprechi utilizzabili per sviluppare nuovi progetti e creare più lavoro.

Condividi